Metin Altıok, “Il primo atlante di poesie” (“Şiirin İlk Atlası”) e “Il resto”

La casa editrice di Istanbul Kırmızı Kedi, la cui direzione editoriale per la poesia è di recente passata a Enis Batur, ha appena ripubblicato “Il primo atlante di poesia”, raccolta di poesie e scritti letterari e teatrali di Metin Altıok (1940-1993), fra i poeti turchi più importanti degli anni Settanta e Ottanta, morto nel rogo di Madımak nel 1993. “Şiirin İlk Atlası” segue la ripubblicazione dell’opera poetica completa, dal titolo “Inquilino di un dolore” (“Bir Acıya Kiracı”). Di seguito una sua poesia d’amore… Buona lettura!

 

Il resto

 

Mi avevi lasciato una chiave
sapendo del mio cuore gonfio.
L’ho usata a lungo come mi andava
come un ornamento a lato del mio amore;
con il tempo ne ho smussato le estremità.
Ecco, il resto ero io.
Mentirei se dicessi di non aver amato,
ma ogni cammino vuole un viandante.
Tu, sosta tempestosa del mio esistere,
cancella se vuoi i giorni con me.
Il resto, ecco, sarai tu.

 

GERİYE KALAN

 

Bir anahtar verdindi bana
Kabaran yüreğimi bilerek.
Kullanıp durdum onu gönlümce,
Aşkıma kenar süsü diyerek;
Aşındırdım dişlerini zamanla.
Geriye ben kaldım işte.
Yalan olur sevmedim dersem;
Ama yolcu yolunda gerek.
Ey ömrümün uğuldayan durağı;
Yanlış hesaptan dönerek,
Benli günlerini sil istersen.
Geriye sen kaldın işte.

Advertisements

Leave a comment

Filed under Traduzioni

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s