Onur Caymaz, “Se chiedete al fico” (“İncire sorarsanız”)

Onur Caymaz (1977) è uno dei narratori e poeti più promettenti della scena letteraria turca. Laureatosi in Informatica presso l’Università di Marmara, ha pubblicato interventi di critica letteraria, racconti e articoli di fondo su riviste quali Adam Sanat, Adam Öykü, E, Varlık, Öküz, Virgül, Eşik Cini, Sarnıç, Notos Öykü, Express, oltre a quotidiani quali Radikal, Cumhuriyet, Yurt e Birgün.
Le sue poesie sono tradotte in inglese, francese, albanese, bulgaro e armeno. Il suo primo libro di poesie, “Kâh ve Rengi” (“Sia con colore”) ha ricevuto nel 2000 il premio Orhon Murat Arıburnu, il secondo libro “Bak Hâlâ Çok Güzelsin” (“Guarda, sei ancora bellissima”) ha ricevuto nel 2005 il premio Behçet Aysan, mentre “Pervaneyle Yaren” (“Compagno con ventola”) nel 2011 è stato insignito del premio Bedri Rahmi Eyüboğlu.La poesia di seguito fa parte del suo libro “Pervaneyle Yaren” e la traduzione vuole essere un piccolo regalo di compleanno per i 39 anni del poeta. Buona lettura!

se chiedete al fico

non serve a niente adesso
il mare che si ritira nelle stanze
siamo isole e non sappiamo di esistere
con fiori incendiati sulle selle
ci abbandoniamo dolcemente al vuoto
ora i cavalli stanchi
sono anneriti
la criniera bronzea della sera
il tabacco preso da un pescatore
brucia sulla carta
un cannello di gelsomino
si perde fra i capelli spargendo madreperla

non c’è nulla da dire adesso
mentre accarezzo la tua voce più antica
la seta impregnata della nostalgia notturna
chiediamo al giardino se
i bambini abbiano vita propria
la melagrana ci risponde in rosso
mentre il fico si è da tempo offeso
con il fazzoletto legato al ramo

estate 2006

incire sorsanız

faydasız şimdi
odalara çekilirken deniz
yaşadığından habersiz adalar gibiyiz
terkilerinde yanmış çiçeklerle
usulca boşluğa bırakıyoruz
yorgun atları
şimdi kararır
akşamın tunç yelesi
bir balıkçıdan aldığım tütün
kâğıdına yanar
yasemin bir ağızlık
sedef tokan kaybolur saçlarında

yorumsuz şimdi
en eski sesin okşarken
gecenin özlemle dolu ipeğini
küçük çocukların ömrü var mı diye
soruyoruz bahçeye
nar, kırmızıyla yanıtlıyor bizi
incirse çoktan küsmüştür
dalına bağlı o renkli mendile

yaz, 2006

Advertisements

Leave a comment

Filed under Traduzioni

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s